frutto cachi

Diciotto grammi di fruttosio su 100 gr di polpa e tanto calcio. Con questa accoppiata energetica i cachi si propongono come frutto energizzante per affrontare le giornate autunnali e per contrastare la mancanza di tono fisico e mentale. E’ considerato una delle migliori fonti di betacarotene, in quanto associato agli zuccheri semplici, viene assorbito meglio e più velocemente. Questa sostanza oltre ad avere la rinomata funzione di protezione, aiuta il sistema nervoso e quello muscolare a recuperare energia. E’ il frutto più indicato per gli studenti e per chi è sottoposto ad un surmenage di lavoro ed impegni. Importante per i vegetariani e per gli sportivi in genere, è indispensabile nelle diete vegane per affrontare con più energia le giornate fredde e piovose. Possono costituire una sana ed energetica merenda per i bambini. Sono inoltre ricchi di magnesio e manganese, sostanze che hanno una funzione riequilibrante e migliorativa del ritmo sonno-veglia e che favoriscono l’assorbimento della serotonina e della melatonina. I cachi sono indicati per contrastare la depressione stagionale, la stanchezza cronica, l’apatia. Un frutto che con dolcezza, non solo di sapore, aumenta lo sprint dell’intero organismo.

La loro presenza durante il periodo in cui inizia ad arrivare il freddo e le ore di luce diminuiscono ogni giorno è davvero salutare. Ricchi di vitamina C e potassio che lavorano in sinergia sull’organismo per ridare forza, i cachi sono ideali per le persone fragili, i bambini, le donne in gravidanza. Sono una fonte eccellente di criptoxantina, sostanza che agisce sul metabolismo fornendo vitalità. Una sorta di integratore dolce e salutare per quando ci sente senza forze. I cachi sono inoltre ricchi di carotene e zuccheri semplici, una accoppiata che fornisce energia, azione antiossidante e stimolazione del sistema nervoso. Per sfruttare al massimo le proprietà anti-fatica andrebbero consumati il più possibile maturi, quando gli zuccheri fanno da veicolo per l’assorbimento delle sostanze nutritive. Sono inoltre ricchi di calcio e fosforo, sostanze molto utili per chi soffre di stanchezza cronica e per gli sportivi. 100 gr di polpa di cachi apportano inoltre circa 240 microgrammi di pro vitamina A, essenziale come fattore protettivo per la salute della pelle e di tutte le mucose, nonché attiva sulle funzioni neurologiche, favorendo la ripresa energetica psicofisica.

L’albero del cachi è stata nominato albero della pace, dopo la tragedia della seconda Guerra Mondiale. In Giappone, a Nagasaki, c’è una pianta di caki incredibilmente sopravvissuta all’esplosione nucleare del 9 agosto 1945. Il botanico Masayuki Ebinuma osservò che la forza di questa pianta poteva essere un potente messaggio di pace da divulgare in tutto il mondo in modo da ricordare a tutti l’inutilità di qualsiasi guerra. Il signor Ebinuma nel 1994 riuscì così a far nascere nuove piantine con i semi dei frutti del cachi sopravvissuto a Nagasaki, incominciando a distribuire piantine ai bambini che visitavano il museo del bombardamento atomico, pregandoli di farne un messaggio di pace e di amore. Nel 1996 l’artista giapponese Tatsuo Miyajima ideò un progetto per sostenere questa attività come forma d’arte e nel 1999 il progetto venne presentato alla 48° Biennale di Venezia, dove le scuole italiane potevano concorrere all’adozione delle piantine. In tutta Italia sono ormai migliaia gli alberi di cachi piantati in memoria dello sterminio atomico e per la pace.

1 COMMENT

  1. Bellissimo frutto autunnale; qui nel nord Europa era ancora sconosciuto un po come lolio d’oliva un ventennio fa; i cachi sono venuti, insieme ad altri ortaggi tipo la rucola: grazie alla migrazione di questi cuochi che hanno saputo portare le nostri tradizioni é i nostri sapori del’arco Mediterraneo. Poche sono le ricette di cucina ottenuto da questo frutto, un vero peccato, io qui arrivo ad ottenere un sorbetto assolutamente piacevole con pochissimo zuchero aggiunto, con solo cento grammi di sciroppo di glucosio. Mille garzie al giornale il cuoco é a tutto lo Staff !!!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here